10.02.14

Le mie eroine fanno le casalinghe

Archiviato in Argomenti vari tagged , , , , at 15:13 by vaniglia

Com’era quel detto? “piove sempre sul bagnato”, si era così, a meno che tu non sia una casalinga, altrimenti la storia cambia, “piove sempre sulle finestre appena pulite”.

Essere casalinga, anche solo per un certo periodo, ti cambia dentro e considerando la vicinanza al frigorifero, ti cambia anche fuori.

Non c’è bisogno di essere una casalinga a tempo pieno, anche  un part-time basta alla metamorfosi. Fino ad un mese fa scivolavo via di casa alle 5.30 del mattino per ritornarci la sera all’ora di cena, che ovviamente preparavo io. Mi mancava casa mia, mi mancava il tempo per pulire, ma volendo mi mancava anche il tempo per vedere lo sporco, quindi la cosa si compensava egregiamente.

Adesso che ho il pomeriggio libero (solo quello grazie a Dio), posso finalmente avere tutto il tempo che mi è mancato in precedenza, per fare quelle mille cose che prima potevo solo pensare, coltivare i fiori in balcone, sistemare l’armadio, buttare tutte le cose inutili contenute nei mobili nuovi comprati per metterci le cose inutili che non sapevo dove mettere.

Invece macchè, io il gene di quelle che fanno sempre tutto tutti i giorni non ce l’ho.

Avete presente quelle eroine che la mattina si alzano un’ora prima per fare il caffè e mandare la lavatrice? Quelle che appena hanno finito di mangiare oltre a sparecchiare, lavano i piatti, puliscono i fornelli, spazzano e se gli gira danno pure lo straccio? Ecco io ammiro con ogni mia cellula quelle donne.

Le donne costanti, perchè sia ben chiaro, non esiste casalinga, anche se lo è a tempo pieno, anche se lo è da tutta la vita, che non ha qualcosa da fare.

La casa non è progettata per lasciarti del tempo libero, e se tu quel tempo libero, magari in un pomeriggio di sole, osi passarlo sul divano a leggerti un libro, sappi che i raggi solari colpendo dritto il mobile in wengè della tv, ti faranno notare che il tuo swiffer cattura la polvere, ma l’hanno già rilasciata.

Essere casalinga è per me la cosa più difficile da fare, e non parlatemi delle maniache del pulito, perchè pulire a ruota una cosa che si sporca con la stessa velocità di un bambino che mangia un cono gelato sulle motagne russe, è frustrante, frustrante come il profilo Intagram di Belen.

Se sei una donna in carriera la gente quasi si aspetta che la tua casa sia un po’ in disordine, ma se sei una casalinga non hai scampo, deve brillare tutto in ogni momento del giorno e della notte.

Se sei casalinga, sei la donna che non deve chiedere mai, a dire il vero, questo mondo misogeno vorrebbe che tu non chiedessi niente nemmeno se sei una donna in carriera, perchè diciamocelo, sottovoce, tutti vorebbero la moglie a casa con il grembiule ad aspettarli ogni sera. Perchè il lavoro è importate, il suo però,  perchè è normale un ritardo la sera, il suo però, e perdonatemi se sto esagerando, sarà il calcare della doccia che mi rende acida, mi rendo conto che tutti questi discorsi ricordano gli uomini della caverna, anche se sono convinta che almeno lì, in una caverna, della polvere  non si lamentava nessuno.



I commenti sono chiusi